I regali da non fare: vademecum per amici e parenti senza figli 

Carissimi amici e parenti tutti, si avvicina il Natale e, tralasciando la filippica sul fatto che hanno troppo e tutto, per facilitarvi il compito, solo e soltanto per questo, eccovi alcune dritte su che cosa non comprare ai bambini, in particolare ai miei, e a quelli nella fascia 0/6 anni. 

 Niente giochi rumorosi. Abbiamo già abbastanza caos in casa, i vicini ci odiano anche senza l’ennesima trombetta e senza le maracas (che, vi ricordo,  non vengono mai suonate ma sbattute su qualunque superficie rigida). Stiamo bene anche senza la pianola, quella che emette quei suoni assurdi e senza volume regolabile. La batteria? Bellissima, ma NO GRAZIE! Non sognatevi di prendere il tamburo o il flauto dolce.

Niente pongo, dido, playdoh e simili. L’anno scorso l’abbiamo chiesto a Babbo Natale perché a Francesco piaceva tanto, dopo 2 giorni si era seccato e, ancora oggi, continuo a trovarne pezzi in giro. E ho detto tutto!

No ai giochi per bambini più grandi. Avete mai assistito al dramma di un bambino che riceve un gioco che gli piace da morire e non riesce a montarlo o a giocarci? Io sì, e non sono bei momenti. Sulle confezioni esiste un numerino con un “+” accanto, non è un codice segreto ma semplicemente l’età dei bambini a cui il gioco è rivolto. È facile. Se comunque avete dubbi chiedete a quelle signore che girano nei negozi meglio conosciute come “commesse”, voi dite l’età e il sesso del bambino e loro ve ne consigliano uno, carissimo, ma adatto all’età!

No abbigliamento “qualunque”. Lo so che si dovrebbe regalare qualcosa che serve, ma, a meno che non si tratti di abbigliamento tempestato di supereroi, superpigiamini, gattoboy, star wars, o paw patrol e aristogatti per la piccola, lasciate perdere. Lo dico per voi!

No giochi che per montarli ci deve lavorare una settimana tutta la famiglia e appena iniziano a giocarci dopo 30 secondi si rompono. Dobbiamo ancora superare il trauma del camion delle Ninja “Lego Povery” preso per il suo compleanno: 10 giorni per montarlo, 10 secondi per romperlo, 10 giorni di pianti disperati.

Sì a libri in abbondanza, di qualunque tipo.  Benissimo anche i colori, quaderni e album da disegno. Puzzle (magari non i mille pezzi), peluche, animali, attrezzi, (non il legno così i vicini non ci maledico o quando vengono sbattuti o cadono), e benvengano le macchine, anche le Hot Wheels da 2 euro che si trovano al supermercato.

Quello che però assolutamente non deve mancare è un’oretta del vostro tempo per giocare con loro. Sarà il regalo più bello, ve lo assicuro. E ve ne saremo grati anche noi genitori che magari ne approfittiamo e andiamo a farci un sonnellino!

Grazie e Buon Natale!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...